Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 10091 - pubb. 24/02/2014


Cassazione civile, sez. I 27 gennaio 2014, n. 1650 - Pres. Salmè - Est. Loredana Nazzicone.

Fallimento - Accertamento del passivo - Opponibilità del decreto ingiuntivo non munito del decreto di esecutorietà prima della dichiarazione di fallimento - Esclusione.

Il decreto ingiuntivo che non sia stato un munito, prima della dichiarazione di fallimento, del decreto di esecutorietà di cui all'articolo 647 c.p.c., non può considerarsi passato in cosa giudicata formale e sostanziale, né può acquisire tale valore con un successivo decreto di esecutorietà per mancata opposizione, poiché, intervenuto il fallimento, ogni credito, secondo quanto prescrive l'articolo 52 L.F., deve essere accertato nel concorso dei creditori in sede di accertamento del passivo, secondo le regole stabilite dagli articoli 92 e seguenti L.F.. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell Dott. Antonello Fabbro


Il testo integrale