Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 10472 - pubb. 28/05/2014


Cassazione civile, sez. I 14 febbraio 2014, n. 3540 - Pres. Luccioli - Est. Campanile.

Audizione del Minore – Esclusione – Tenera età – Sussiste (art. 336-bis cod. civ.)

L’audizione del minore può essere omessa nei casi in cui il giudice del merito, secondo il suo prudente apprezzamento, ravvisi il pericolo di pregiudizio per il fanciullo ovvero un contrasto con gli interesse superiori per l'interessato, ovvero reputi il minore non adeguatamente maturo alla stregua della situazione di fatto considerata (Cass. SU n 22238/2009, n. 12293/2010, 13241/2011, 17201/2011). In particolare, il giudice di merito può escludere l’ascolto sulla base di una valutazione, ancorata a un dato oggettivo come quello costituito dalla tenera età, circa l'insussistenza di una apprezzabile capacità di discernimento, valutazione che può essere sinteticamente motivata. (Giuseppe Buffone) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Buffone


Il testo integrale