IL CASO.it

Sezione I - Giurisprudenza

documento 1125/2008

 

 

data pubblicazione 24/04/2008

 

 

 

 

Tribunale di Isernia 1 febbraio 2008 – Pres. F. Ferdinandi, Est. Maria Luisa Messa

Segnalazione dell’Avv. Roberto Cicerone

Liquidatore – Ricorso per revoca ex art. 33 d.Lgs 5/2003 – Giusta causa di revoca.

 

Il concetto di giusta causa, tanto con riferimento alla revoca dei liquidatori, quanto con riferimento alla revoca dell’amministratore di società, presuppone, per giurisprudenza costante, una condotta che integri una grave violazione dei doveri inerenti al mandato. Detta condotta deve essere connotata da una certa gravità e valutata con riferimento a criteri meramente oggettivi, onde evitare che il giudizio sulla sussistenza della giusta causa di revoca si tramuti in una valutazione di merito attinente alla scelte gestionali che sono proprie della discrezionalità del liquidatore.

La cessazione dell’attività di impresa, il licenziamento per giusta causa dei dipendenti, la mancata accettazione di una proposta di affitto finalizzata al successivo acquisto dell’azienda, la valutazione caso per caso delle singole esposizioni debitorie sono di per sé decisioni pienamente legittime, rientranti nell’alveo della discrezionalità propria degli amministratori prima e dei liquidatori dopo. (fb)

 

 

 

 

Il testo integrale