Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11261 - pubb. 29/09/2014


Cassazione penale 31 luglio 2014, n. 34039 - Pres. Siotto - Est. Rocchi.

Confisca - Oggetto - Beni immobili - Ipoteche iscritte da banche vittime dei delitti di truffa - Cancellazione - Esclusione

Gli istituti bancari rimasti vittime dei delitti di truffa o appropriazione indebita all’atto dell’erogazione di mutui, in forza dei quali erano state iscritte ipoteche di sugli immobili confiscati, devono essere considerati terzi estranei ai reati posti in essere dal soggetto nei cui confronti è applicata la misura di prevenzione patrimoniale e, pertanto, nei loro confronti non può essere ordinata la cancellazione della trascrizione dell’ipoteca nei registri immobiliari. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Donato Giovenzana


Il testo integrale