Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11484 - pubb. 03/11/2014


Commissione tributaria provinciale Perugia 19 giugno 2014 - Pres. Arioti Branciforti - Est. Petrioli.

Costituzione di trust - Incremento patrimoniale a favore del beneficiario - Esclusione - Applicazione dell’imposta di registro per gli atti sottoposti a condizione sospensiva

Per effetto della costituzione di un trust si realizza una separazione dei beni dal patrimonio del disponente, senza creazione di un diverso soggetto con autonoma personalità giuridica. Il beneficiario del trust, pertanto, è titolare di un’aspettativa giuridica, ovvero di un diritto sottoposto a condizione sospensiva che non gli consente di conseguire la proprietà dei beni e che, pertanto, non consegue alcun arricchimento tassabile. Alla fattispecie e, quindi, applicabile l’articolo 58, comma 2, del testo unico delle imposte di donazione e successione, il quale fa riferimento espresso alle disposizioni in tema di imposte di registro e perciò all’articolo 27 della legge sul registro sul trattamento fiscale degli atti sottoposti a condizione sospensiva. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale

Segnalazione di Paola Cuzzocrea, Avvocato in Mantova avvocato.cuzzocrea@gmail.com