Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11520 - pubb. 05/11/2014


Cassazione civile, sez. I 30 ottobre 2014, n. 23102 - Pres. Di Palma - Est. Bisogni.

Trattamento pensionistico – Reversibilità – Coniuge superstite – Coniuge divorziato – Riparto uguale al 50% – Legittimità – Sussiste

In materia di pensione di reversibilità, nella determinazione della quota di spettanza dell’ex coniuge del defunto – titolare di pensione – si deve sì tenere conto del criterio della durata dei matrimoni ma va anche valutata la eventuale esistenza di criteri correttivi (convivenza prematrimoniale, entità dell'assegno divorzile, condizioni economiche e personali) ed è quindi possibile pervenire a una sostanziale equiparazione delle parti in conflitto nella attribuzione di tali indici di valutazione ulteriori. (Giuseppe Buffone) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Buffone


Il testo integrale