Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11522 - pubb. 05/11/2014


Tribunale Mantova 09 ottobre 2014 - Pres. Affanni - Est. Laura De Simone.

Concordato preventivo – Giudizio di omologazione – Verifica della legittimità del procedimento e della genuinità del consenso prestato dai creditori

Concordato preventivo in continuità – L’imprenditore può non dismettere tutti i beni – Previsione normativa

Concordato preventivo in continuità – Attestazione – Comparazione tra la prosecuzione dell’attività come prospettata nel business plan della società che prosegue l’attività e la liquidazione dei beni in sede concorsuale

Concordato preventivo di tipo liquidatorio – Possibilità per l’imprenditore di non mettere a disposizione tutti i beni ma solo una parte degli stessi – Assenza di violazione di regole di ordine pubblico – Inapplicabilità del principio di cui all’art. 2740 c.c. nella disciplina del concordato preventivo

Concordato preventivo – Scelta dell’imprenditore di non mettere a disposizione tutti i beni ma solo una parte degli stessi – Necessità che lo stato analitico ed estimativo delle attività comprenda tutti i cespiti della società, e non unicamente quelli messi a disposizione dei creditori con rinvio, per quelli non messi a disposizione, al contenuto della perizia immobiliare

Concordato preventivo – Necessità di completa informazione dei creditori della scelta dell’imprenditore di predisporre un piano concordatario che non preveda la messa a disposizione del ceto creditorio di tutti i beni

Concordato preventivo – L’imprenditore non può scegliere quali aspetti della condizione economico finanziaria dell'impresa rappresentare e quali non rappresentare ai creditori

Concordato preventivo – Giudizio di omologazione – Possibilità di rilievo d’ufficio della carenza di informazione dei creditori con riguardo ad aspetti rilevanti del piano concordatario e dell’inadeguatezza dell’attestazione – Sindacato che non eccede i confini del sindacato di legittimità

In sede di giudizio di omologa il tribunale è chiamato, oltre che a vagliare la proponibilità e fondatezza delle contestazioni mosse con opposizione, ad una verifica della legittimità del procedimento e della genuinità del consenso prestato, al fine di riscontrare la validità dell’accordo raggiunto con il ceto creditorio. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

Nel concordato in continuità è possibile per l’imprenditore non operare la dismissione di tutte le liquidità alla stessa facenti capo, poiché l’art.186 bis l.f. consente all’imprenditore di decidere se e quali cespiti alienare e quali utilizzare per la prosecuzione dell’attività. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

L’attestatore del concordato in continuità deve attestare che la prosecuzione dell’attività d’impresa prevista dal piano di concordato è funzionale al miglior soddisfacimento dei creditori, operando una comparazione tra la prosecuzione dell’attività come prospettata nel business plan della società che prosegue l’attività e come recepita nel piano concordatario e la liquidazione dei beni in sede concorsuale. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

Anche nel concordato di tipo liquidatorio, l’imprenditore può scegliere di non mettere a disposizione tutti i beni ma solo una parte degli stessi non violando tale scelta alcuna regola di ordine pubblico, non trovando applicazione l’art. 2740 c.c. nella disciplina del concordato e in generale nella regolazione negoziata della crisi d’impresa. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

Nell’ipotesi in cui l’imprenditore non intenda mettere a disposizione dei creditori tutti i propri beni deve elencare nello stato analitico ed estimativo delle attività tutti i cespiti della società, e non unicamente quelli messi a disposizione dei creditori, rinviando per quelli non messi a disposizione al contenuto della perizia immobiliare. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

I creditori devono essere chiaramente informati della scelta dell’imprenditore di predisporre un piano concordatario che non preveda la messa a disposizione del ceto creditorio di tutti i beni. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

Non spetta al proponente il concordato valutare ciò che è rilevante per il ceto creditorio e decidere quali aspetti rappresentare e quali sottendere atteso che, da una scelta discrezionale di questo tipo, potrebbe conseguire una differente prospettazione della reale condizione economico finanziaria dell'impresa. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)

La carenza di informazione dei creditori con riguardo ad aspetti rilevanti del piano concordatario e l’inadeguatezza dell’attestazione ben possono essere rilevati anche d'ufficio dal tribunale nel giudizio di omologazione, trattandosi di valutazione che non eccede i confini del sindacato di legittimità, non riguardando né l'area economica del piano né la prognosi di adempimento. (Laura De Simone) (riproduzione riservata)


Segnalazione della Dott.ssa Laura De Simone


Il testo integrale