Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11756 - pubb. 09/12/2014


Tribunale Venezia 05 agosto 2014 - - Est. Gabriella Zanon.

Revocatoria fallimentare - Riforma della legge fallimentare - Distinzione tra rimesse solutorie e ripristinatorie - Rilevanza - Esposizione debitoria - Interpretazione

La distinzione tra rimesse di natura solutoria e rimesse di natura ripristinatoria, elaborata dalla giurisprudenza ai fini della individuazione dei pagamenti revocabili ex articolo 67 L.F., conserva la sua validità e rilevanza anche dopo la riforma della legge fallimentare introdotta dal decreto legge 14 marzo 2005, n. 35 e dal decreto legislativo 9 gennaio 2006, n. 5. L'espressione "esposizione debitoria" contenuta nel terzo comma dell'articolo 67 citato, deve, infatti, intendersi riferita ai soli debiti liquidi ed esigibili, requisito, questo, che non ricorre nell'ipotesi in cui i versamenti siano stati effettuati entro i limiti dell'affidamento concesso dalla banca. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Rebecca


Il testo integrale