Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 12834 - pubb. 15/06/2015


Tribunale Verona 25 maggio 2015 - - Est. Vaccari.

Legittimazione della curatela fallimentare che abbia ottenuto un decreto ingiuntivo ai sensi dell’art. 150 L.F. nei confronti dell’ex amministratore della società fallita a far valere in via surrogatoria l’inefficacia, per mancata opposizione, del decreto, provvisoriamente esecutivo con il quale era stato ingiunto all’ex amministratore della società fallita di pagare un rilevante importo ad un terzo soggetto

La curatela di un fallimento che abbia ottenuto un decreto ingiuntivo ai sensi dell’art. 150 L.F. nei confronti dell’ex amministratore della società fallita è legittimata a far valere, ai sensi dell’art. 2900 c.c., l’inefficacia, per mancata opposizione, del decreto provvisoriamente esecutivo con il quale era stato ingiunto al medesimo ex amministratore di pagare un rilevante importo ad un terzo soggetto. Qualora a seguito della emissione del predetto decreto sia stata iscritta ipoteca su tutti i beni dell’ex amministratore è infatti ravvisabile l’eventus damni atteso che tale iscrizione costituisce un sicuro ed anzi insuperabile ostacolo alla possibilità dell’istante di soddisfare il proprio credito. (Massimo Vaccari) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Massimo Vaccari


Il testo integrale