Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 12841 - pubb. 17/06/2015


Tribunale Monza 03 giugno 2015 - - Est. Crivelli.

Concordato preventivo - Accertamento dei crediti - Vincolo derivante dalla proposta - Effetti - Provvedimento del giudice delegato di ammissione al voto - Accertamento - Esclusione

Nel concordato preventivo, a differenza di quanto accade nella procedura fallimentare, non esiste alcuna forma di accertamento dei crediti con effetto vincolante e i creditori ed il debitore sono solo vincolati dalla proposta concordataria, nel senso dell’inclusione in una piuttosto che in un’altra delle classi eventualmente previste, con la conseguenza che la proposta omologata crea un vincolo in ordine alla riduzione dei crediti in corrispondenza della percentuale offerta. Occorre, poi, precisare che non tiene luogo dell’accertamento del credito l’inclusione dello stesso nell’elenco di cui all’art. 161, comma 2, lett. b), la quale può tutt'al più riguardare la sfera dell’imprenditore ma non vincolare le decisioni degli organi della procedura. Neppure in proposito rileva il provvedimento del giudice delegato ai sensi dell’art. 176 l.f, strumentale solo all’ammissione o meno al voto per espressa disposizione di legge, per cui i relativi crediti non possono intendersi affatto definitivamente accertati e possono, quindi, essere considerati insussistenti nella fase di esecuzione del concordato stesso. (Alberto Crivelli) (riproduzione riservata)


Il testo integrale