Massimario

Art. 111


Fallimento - Applicazione dell'articolo 118, comma 3, Codice degli appalti - Esclusione

Nessuna norma attribuisce natura prededucibile al credito del subappaltatore pubblico. (Nicola Salvarani) (riproduzione riservata) Tribunale Monza 10 aprile 2015



Liquidazione coatta amministrativa - Ripartizione dell'attivo - Corresponsione di acconti parziali - Violazione della par condicio creditorum - Esclusione

La corresponsione ad uno o più creditori concorsuali, prima della formazione dello stato passivo, di un acconto parziale non viola la regola fondamentale della par condicio fra i creditori, il cui rispetto va piuttosto verificato in sede di distribuzione finale dell'attivo, ove va accertato se questo sia idoneo a soddisfare tutti i creditori. In tal senso va, infatti, inteso il carattere della provvisorietà che, a differenza dei riparti parziali (articolo 212, comma 4, L.F.), connota gli acconti parziali ai quali fa riferimento il secondo comma dell'articolo 212 L.F. Questa norma, d'altra parte, nel consentire la corresponsione, anche solo ad alcune categorie di creditori, di acconti prima che sia formato lo stato passivo prevede implicitamente una deroga all'applicazione delle regole dettate dall'art. 111 L.F.. (Franco Benassi) (riproduzione riservata) Cassazione civile, sez. I 10 marzo 2015



Prededuzione – Crediti sorti in funzione delle procedure concorsuali – Procedimento di omologa degli accordi di ristrutturazione del debito ex art. 182-bis L.F. – Esclusione

Non spetta la prededuzione ex art. 111 L.F. ai professionisti che hanno provveduto alla predisposizione dell’accordo di ristrutturazione del debito ex art. 182-bis L.F., in quanto la fattispecie presenta caratteristiche prettamente privatistiche, come tale estranea alle procedure concorsuali in genere, non essendo prevista una fase di ammissione dei crediti, non essendovi organi pubblici destinati alla gestione del procedimento, non applicandosi il principio maggioritario e quello della par condicio creditorum e non sussistendo luogo deputato per la discussione e approvazione della proposta, con conseguente estraneità della fattispecie di cui all’art. 111 L.F.. (Alberto Rinaldi) (riproduzione riservata) Tribunale Verona 16 febbraio 2015



Consecuzione tra procedure minori - Prededuzione - Applicabilità - Preferenza nell’ordine di soddisfazione dei crediti

Prededuzione - Requisito della occasionalità di cui all’articolo 111 LF - Interessi della massa e scopi della procedura - Fattispecie in tema di concordato in continuità

Prededuzione - Credito del professionista per l’assistenza alla presentazione della domanda di concordato - Verifica dell’esistenza del rapporto di adeguatezza funzionale - Necessità

Il principio della prededucibilità dei crediti ai sensi dell’articolo 111 L.F. affermato in relazione alla consecuzione tra le procedure di concordato preventivo e quella di fallimento deve ritenersi applicabile anche in caso di consecuzione tra procedure minori, determinando, accanto alla prededuzione endofallimentare, quella che è stata efficacemente definita come una preferenza nell’ordine di soddisfazione dei crediti. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)

Il requisito della occasionalità di cui all’articolo 111 L.F. deve essere inteso non soltanto con riferimento al nesso tra l’insorgere del credito e gli scopi della procedura, ma anche con riguardo alla circostanza che l’insorgenza dell’obbligazione possa rientrare negli interessi della massa e dunque rispondere agli scopi della procedura stessa, in quanto utile alla gestione e conservazione del patrimonio; rispetto a tale valutazione, il deposito della proposta e del piano ovvero l’ammissione alla procedura non costituiscono una condizione necessaria per la prededucibilità, ancorché l’omissione o la mancata ammissione costituiscano elementi dai quali valutare la coerenza tra l’atto compiuto e le finalità della procedura. (Nel caso di specie, la prededuzione nella successiva procedura di concordato è stata riconosciuta corretta con riferimento a quei crediti che hanno garantito la continuità aziendale anche ed impedito che la cessazione dell’attività facesse decorre il termine per la cessione dell’impresa farmaceutica previsto dalla legislazione speciale). (Franco Benassi) (riproduzione riservata)

Con riferimento alla prededuzione spettante al credito professionale per lo studio e l’istruttoria finalizzati alla presentazione della domanda di concordato, ai fini del riconoscimento della prededuzione, occorre di volta in volta accertare se vi sia quel rapporto di adeguatezza funzionale che determina il trattamento preferenziale del credito in deroga al principio della par condicio creditorum nel successivo concordato o fallimento, non potendosi presumere l’esistenza del nesso di funzionalità per il solo fatto del deposito della domanda di pre-concordato. (Franco Benassi) (riproduzione riservata)
Tribunale Siracusa 28 luglio 2014





Sfoglia:
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18