Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 10380 - pubb. 08/05/2014


ABF Milano 21 marzo 2014, n. 1727 - Pres. Gambaro - Est. Lucchini Guastalla.

Negoziazione di valute – Tasso di cambio – Informazione scritta.

Ferma restando la possibilità di convenire, nelle operazioni su strumenti finanziari che prevedano una divisa diversa dall’Euro, un tasso di cambio pari a quello indicato sul sito web della banca, al cliente deve essere garantita la possibilità di ricevere, su supporto cartaceo, informazioni relative ai differenziali (in forma fissa o percentuale) rispetto a un tasso di cambio di riferimento ufficiale. (Aldo Angelo Dolmetta, Ugo Minneci, Ugo Malvagna) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Prof. Aldo Angelo Dolmetta – D&S Studio Legale Associato


Il testo integrale