Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11349 - pubb. 09/10/2014


Tribunale Milano 03 marzo 2014 - - Pres., est. Caterina Macchi.

Fallimento – Accertamento del passivo – Domanda di ammissione al passivo – Indicazione del titolo della prelazione – Desumibilità in via interpretativa dal testo del ricorso – Esclusione – Ammissione al passivo in via chirografaria

Deve essere ammesso al passivo al chirografo, e non in via privilegiata, ai sensi dell’art. 93 co. 3 n. 4 e co. 4 l.f., il credito per il quale il ricorrente non abbia indicato il titolo della prelazione, non potendo desumersi l’esistenza di una domanda relativa al rango privilegiato quale esito di un’operazione interpretativa del testo del ricorso ex art. 93 l.f. che valorizzi i meri dati della enunciazione della qualità (nella specie, di avvocato) spesa dall’istante e dalla qualificazione (nella specie, in termini di assistenza e consulenza) dell’attività svolta per la fallita. (Francesco Dimundo) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Francesco Dimundo


Il testo integrale