Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11350 - pubb. 09/10/2014


Tribunale Milano 05 settembre 2014 - Pres. Lamanna - Est. Francesca Savignano.

Procedimento per dichiarazione di fallimento – Provvedimenti cautelari o conservativi – Norme del modello cautelare uniforme – Applicabilità

Codice degli Appalti – Contratti di lavori pubblici – Fallimento dell'affidataria – Art. 118 comma 3 e sospensione dei pagamenti – Irrilevanza – Scioglimento ipso iure dei contratti – Art. 81 L.F. –
Contratto di lavori pubblici – Fallimento dell'affidataria – Pagamento del debito da parte della P.A. – Ripartizione dell'attivo – Prededuzione a favore dei subappaltatori – Esclusione

In caso di fallimento dell’impresa affidataria al credito del subappaltatore non si applica l’art. 118, comma 3, D.Lgs. 163/2006 ostandovi l’art. 81, comma II, l.fall. Non spetta quindi ai subappaltatori dell’affidataria fallita l’ammissione in prededuzione. (Andrea Azzano) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Andrea Azzano


Il testo integrale