Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11485 - pubb. 03/11/2014


Tribunale Milano 31 luglio 2014 - Pres. Caterina Macchi - Est. Francesca Maria Mammone.

I poteri di indagine del Tribunale in caso di adr non opposti e criteri di calcolo ed individuazione, in caso di società non ancora incorporata all'atto della pubblicazione degli adr depositati dall'incorporante

Qualora gli accordi di ristrutturazione dei debiti ex art. 182bis l.fall. non risultino opposti, l'ambito di indagine del Tribunale in sede di omologa deve concernere la regolarità e conformità a legge del procedimento, nonché la congruità ed idoneità dell'attestazione, non essendo prevista un'indagine sull'attuabilità del piano ulteriore a quella contenuta nella relazione del professionista ex art. 67 lett. "d" l.fall.. (Antonio Pezzano) (riproduzione riservata)

Allorché la fusione non risulti completata (con l'ultima delle iscrizioni di cui all'art. 2504 c.c.) prima della pubblicazione nel registro delle imprese dell’accordo di ristrutturazione della società incorporante, il procedimento ex art. 182bis l.fall. deve intendersi riferito solo a tale società. Con la conseguenza che, ai fini del calcolo del quorum minimo del 60% e della individuazione dei creditori c.d. estranei agli accordi di ristrutturazione dei debiti, non vanno computati i creditori dell'incorporanda. (Antonio Pezzano) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Antonio Pezzano, Studio Legale PSP


Il testo integrale



Massimario ragionato del concordato preventivo:

Fusione societaria