IL CASO.it  

Sezione I - Giurisprudenza

documento 1164/2008

 

 

data pubblicazione 19/03/2008

 

 

 

 

Tribunale di Milano 25 febbraio 2008 – Pres. B. Quatraro, Est. M. Vitiello

Segnalazione del Presidente Bartolomeo Quatraro

Credito del professionista facente parte di uno studio associato – Carattere personale della prestazione – Riconoscimento del privilegio di cui all’art. 2751 bis n. 2 cod. civ. – Spettanza.

 

Ai fini del riconoscimento del privilegio di cui all’art. 2751bis n. 2 cod. civ., l’inserimento del professionista in uno studio associato non fa di per sé venir meno il carattere retributivo del credito qualora lo stesso derivi da una attività direttamente imputabile al singolo professionista - al quale il privilegio in questione dovrà pertanto essere riconosciuto – e non da una attività svolta da una molteplicità di professionisti costituenti una struttura organizzata, ove il rapporto con il cliente non è incentrato sulla personalità della prestazione, trattandosi di servizi intellettuali eseguiti nell’ambito di una attività sostanzialmente imprenditoriale. (fb)

 

 

 

 

Il testo integrale