Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 12012 - pubb. 04/02/2015


Tribunale Roma 24 gennaio 2015 - - Est. Antonella Dell'Orfano.

Processo telematico – Ammissibilità della costituzione delle parti in via telematica – Irrilevanza della mancata menzione della comparsa di risposta e dei documenti allegati nei Decreti adottati dal Direttore della DGSIA ex art. 35, co. 1 D.M.G 44/2011 relativamente al Tribunale di Roma

La comparsa di costituzione e risposta depositata telematicamente deve essere considerata ammissibile a prescindere dall’esistenza del decreto dirigenziale previsto dalla normativa vigente in materia di PCT. (Gianluigi Iannetti) (riproduzione riservata)

La DGSIA (Direzione Generale per i Servizi Informativi Automatizzati) è priva, per legge o regolamento, del potere di individuare il novero degli atti depositabili telematicamente oppure la tipologia di procedimento rispetto alla quale esercitare la facoltà di deposito digitale. (Gianluigi Iannetti) (riproduzione riservata)

Spetta al Giudice, sulla base della normativa costituzionale, processuale e telematica, verificare l’idoneità del suddetto deposito al raggiungimento dello scopo cui è deputato. (Gianluigi Iannetti) (riproduzione riservata)

Deve ritenersi quindi ammissibile avanti il Tribunale di Roma il deposito telematico di atti e provvedimenti non espressamente contemplati dal decreto autorizzatorio secondo il principio generale contenuto nell'art. 121 c.p.c. per il quale gli atti del processo, per cui la legge non richiede forme determinate, possono essere compiuti nella forma più idonea al raggiungimento del loro scopo ed inoltre trova applicazione il principio generale di cui all’art. 156 c.p.c. per il quale l’atto eventualmente invalido, se ha raggiunto lo scopo cui è destinato, non può essere dichiarato nullo. (Gianluigi Iannetti) (riproduzione riservata)

Deve perciò aversi riguardo all’accettazione dell’atto da parte della Cancelleria, con immediata visibilità per il Giudice e per tutte le altre parti del processo. (Gianluigi Iannetti) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Gianluigi Iannetti


Il testo integrale