Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 12604 - pubb. 11/05/2015


Consiglio di Stato 30 gennaio 2015, n. 298 - - Pres., est. Santoro.

In House – Contratti tra enti pubblici – Direttiva 2014/24Ue – Chiarimenti – Cooperazione pubblico-pubblico istituzionalizzata di tipo verticale

Ai fini dell'esclusione dei contratti tra soggetti pubblici dall’applicazione della Direttiva 2014/24/UE del 26 febbraio 2014, che abroga la direttiva 2004/18/CE, l’amministrazione aggiudicatrice deve svolgere sull'altro ente pubblico “un controllo analogo a quello che esercita sui propri dipartimenti/servizi”; inoltre più dell’80% delle prestazioni dell'altro ente pubblico devono essere effettuate a favore dell’amministrazione aggiudicatrice o di un altro ente pubblico controllato dalla prima; infine l'altro ente pubblico che riceve l'affidamento dall'amministrazione aggiudicatrice non deve essere controllato da capitale privato, a meno che non si tratti di partecipazione di controllo o di blocco secondo le disposizioni nazionali; in ogni caso tale partecipazione non deve determinare influenza dominante (la percentuale dell’80% richiama la stessa quota dettata, per i settori speciali, dagli artt. 218 del dlg.163/06 e 23 Dir. 17/2004). Il modello accolto è, sostanzialmente, quello, oggi codificato, della cooperazione pubblico-pubblico istituzionalizzata di tipo verticale (“in house” secondo il par. 1 dell’art.12 cit.). La direttiva 2014/24 non è stata ancora recepita, essendo ancora in corso il termine relativo per l'incombente, tuttavia essa appare di carattere sufficientemente dettagliato tale da presentare pochi dubbi per la sua concreta attuazione. (Con il suo parere, il Consiglio ha affermato che la posizione del CINECA nei confronti del Ministero, delle Università e degli Enti pubblici di ricerca suoi consorziati corrisponde perfettamente alla fattispecie cui la direttiva cit. ricollega l'esclusione dalla propria disciplina, anche per i profili di cui finora si era dubitato). (Giuseppe Buffone) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Buffone


Il testo integrale