IL CASO.it

Sezione I - Giurisprudenza

documento 1287/2008

 

 

data pubblicazione 13/07/2008

 

 

Massimario, art. 124 l. fall.

Massimario, art. 160 l. fall.

Massimario, art. 214 l. fall.

 

Tribunale di Udine 5 giugno 2008 Pres. Rel. Pellizzoni.

Sentenza e massime tratte dal sito unijuris.it

Amministrazione straordinaria – Domanda di concordato fallimentare - Clausola risolutiva – Revocabilità.

 

Amministrazione straordinaria – Domanda di concordato fallimentare – Potere del tribunale di valutazione del merito della proposta – Sussistenza.

 

Deve ritenersi legittima la revoca della domanda di concordato tempestivamente avvenuta entro il termine di apertura del procedimento di omologazione, tenuto anche conto delle particolari modalità di approvazione della proposta di concordato previste dall'art. 214 l.fall. (nuovo testo) in tema di liquidazione coatta amministrativa e di amministrazione straordinaria, ove il procedimento si apre su ricorso del proponente (previa autorizzazione degli organi di vigilanza) e non é prevista alcuna votazione dei creditori e calcolo di maggioranze per silenzio assenso, ma solo la facoltà per i creditori dissenzienti e per gli altri interessati di proporre opposizione all'omologazione.

 

Nella nuova disciplina del concordato fallimentare, in caso di opposizione dei creditori dissenzienti, sussiste il potere del Tribunale di vagliare nel merito la proposta di concordato e non di limitarsi ad un mero controllo di legittimità sulla regolarità della procedura e l'esito della votazione.

 

 

Il testo integrale